venerdì 16 aprile 2010

Il carcere di Piazza Lanza è una bomba ad orologeria. Irresponsabile fingere di non vedere che la situazione è sul punto di esplodere



Comunicato dell'associazione Radicali Catania

Catania, 16 aprile 2010

Il carcere di Piazza Lanza è una bomba ad orologeria. Le istituzioni intervengano subito: sarebbe irresponsabile continuare a fingere di non vedere che la situazione è sul punto di esplodere

I segnali di allarme provenienti dalla comunità penitenziaria del carcere di Piazza Lanza, a Catania, non possono più essere ignorati. I detenuti in questi giorni hanno scelto di battere sulle inferriate per denunciare le insostenibili condizioni in cui sono costretti a vivere. La polizia penitenziaria, dal canto suo, ha sottolineato la difficoltà di lavorare in un clima di crescente tensione.

E' bene ricordare che la casa circondariale di Piazza Lanza è un istituto di pena tecnicamente "fuorilegge". Oltre 500 detenuti sono stipati in celle che a stento potrebbero ospitarne la metà. Il numero degli agenti di polizia penitenziaria effettivamente in servizio è gravemente sottodimensionato rispetto alla previsione della pianta organica. L'assistenza sanitaria e quella psicologica sono carenti, così come il lavoro e la possibilità di socializzare. La stragrande maggioranza dei cittadini detenuti nel carcere di Piazza Lanza è in attesa di giudizio. Nella metà dei casi, il reato contestato è la violazione della legge sulla droga. In questo girone infernale ubicato nel cuore della città sono sistematicamente violati regolamenti, leggi e convenzioni internazionali. L'art. 27 della Costituzione affida al carcere una funzione rieducativa, ma Piazza Lanza assomiglia di più ad una "scuola" di delinquenza: un luogo in cui chi entra è destinato ad uscirne, con tutta probabilità, peggiorato sotto il profilo della attitudine a commettere reati.

Più volte, anche recentemente, esponenti radicali hanno effettuato visite ispettive all'interno del penitenziario catanese, constatando di persona una situazione di estrema emergenza. Rita Bernardini, deputata radicale e membro della Commissione Giustizia della Camera, dalla mezzanotte di mercoledì 14 aprile è in sciopero della fame per sollecitare il Parlamento ad affrontare con urgenza la questione delle carceri. Le puntuali e dettagliate interrogazioni rivolte dall'onorevole Bernardini al ministro Alfano sul carcere di Piazza Lanza a tutt'oggi, nonostante i numerosi solleciti, non hanno ricevuto alcuna risposta.

Adesso non è più il tempo delle parole. Le istituzioni e i soggetti competenti, a qualsiasi livello, hanno il dovere di intervenire e disinnescare questa bomba ad orologeria, ristabilendo condizioni minime di legalità e dignità per chi vive recluso in carcere e per chi vi lavora. Continuare a guardare inerti o, peggio ancora, fingere di non vedere che la situazione è sul punto di esplodere sarebbe un atteggiamento a dir poco irresponsabile.

2 commenti:

Anonimo ha detto...

Grandissima Rita Bernardini! Ce ne fossero Deputati come lei.....
duke84

maxmex ha detto...

Fino a quando ci saranno coloro che detengono le risorse naturali e coloro che dal loro uso vengono esclusi, fino a quando ci saranno i banchieri di Stato o (adesso) dell'UE e chi, invece, lavora o viene addirittura escluso dai processi produttivi pur volendo lavorare, allora le carceri finiranno sempre per debordare e le mafie finiranno sempre per prosperare! Le carceri vanno semplicemente abolite, tutti i mercati liberalizzati, la terra e tutte le risorse naturali condivise attraverso l'imposizione esclusiva sull'impossessamento delle risorse naturali e la moneta resa deperibile. Per chi vuole saperne di più può visitare il mio blog:

www.geolib.tk