domenica 29 giugno 2008

Pride, negata piazza Università. Domani pomeriggio manifestazione in via Etnea






Comunicato congiunto dell’associazione Radicali Catania e di Certi Diritti di Catania


Catania, 29 giugno 2008



Pride, Stancanelli ci ripensi: negare piazza Università è un atto irresponsabile e oscurantista. Domani mobilitazione dei radicali

La scelta della nuova amministrazione comunale di negare piazza Università al corteo del Catania Pride è un atto irresponsabile e oscurantista.

Irresponsabile, perché limita senza alcuna motivazione la libertà di espressione e di manifestazione, avvelenando il clima a pochi giorni dallo svolgimento di un corteo che vuole essere civile e nonviolento.

Oscurantista, perché segnala un atteggiamento non solo di totale chiusura, ma addirittura di aperta ostilità rispetto al valore politico del Pride, che è quello di rivendicare parità di diritti per le persone gay, lesbiche, bisessuali e transessuali.

Non ci aspettavamo nulla di buono da questa amministrazione, ma non ci aspettavamo nemmeno un esordio di segno così negativo e gratuitamente provocatorio.

Domani dalle 16.00 alle 20.00 manifesteremo in via Etnea, di fronte la villa Bellini, per esprimere solidarietà e sostegno ai promotori del Catania Pride e per chiedere al sindaco Stancanelli di ripensarci e non dare corso ad una decisione miope e politicamente inaccettabile.

-------

dichiarazione di Sergio Rovasio, segretario dell'Associazione Radicale Certi Diritti
---jjjj-----

4 commenti:

Anonimo ha detto...

Minkia il bello è che hanno il coraggio di chiamarsi popolo delle libertà!
duke84

Anonimo ha detto...

Quetsa è la destra, cari miei, omofoba e antidemocratica. Si preannunzian tempi bui per i diritti. Buon lavoro ai Radicali.
Mauro

ANNARO ANDREA ha detto...

Svegliarmi stamattina all'alba, e trovare una notizia del genere è stata veramente una doccia fredda! E' veramente vergognoso come questa nuova (anche se nuova è un eufemismo) classe dirigente neghi un diritto basilare come il manifestare in modo solidale, e non violento per le proprie idee, e per reclamare i diritti di tutti.
E questo perchè? Semplicemente perche totalmente servile nei confronti dell'enessima ipocrisia di stampo ecumenico; una politica che va letteralmente "a braccietto" con tutti quei finti valori discriminanti che rendono l'omofobia una realtà tangibile.
CIO' NON DEVE ACCADERE!
Ci si vede oggi pomeriggio alle 16.00.
SALUTI!
VOSTRO ANDREA ANNARO.

gianmarco ha detto...

Pare che il Comune di Catania sia orientato a fare retromarcia, consentendo dunque l'utilizzo di piazza Università. La notizia ancora non è ufficiale, ma ci sono buone ragioni per ritenere che alla fine l'agibilità del Pride verrà garantita. In ogni caso l'appuntamento di oggi pomeriggio resta confermato, per invitare i cittadini al Pride e informare sulle iniziative di Certi Diritti.